Home » Benessere » Conoscere e convivere con il Morbo di Crohn

Conoscere e convivere con il Morbo di Crohn

La MICI (malattia infiammatoria cronica intestinale), detta anche Morbo di Crohn dal nome del gastroenterologo americano che la individuò nel 1932, è una malattia sempre più diffusa in questi tempi, favorita dall’espandersi delle intolleranze alimentari e dall’inquinamento dei prodotti agricoli.

La malattia attacca l’intestino in qualsiasi sua regione, con sintomi diversi a seconda di dove si manifesta e non esistono ancora cure, solo medicine per tenere a freno i sintomi e cercare di dar sollievo momentaneo ai pazienti. Uno studio condotto a Palermo, presso l’Ospedale Cervello, ha osservato 325 pazienti e cercato di comprendere come è la convivenza con questo disturbo che può avere anche una trasmissione genetica. L’indagine e i suoi risultati saranno quindi estesi a livello nazionale per poter cercare di rendere sempre meno difficile la vita di queste persone che già, a causa del male, è in salita!

La ricerca evidenzia che la lamentela più diffusa tra i malati di Crohn è la diagnosi tardiva. Una media di 3 anni per capire che l’insieme di sintomi presentati non sono riconducibili a gastriti o ulcere ma a questa infiammazione cronica. Altre paure, o necessità, comuni a tutti i pazienti sono: la paura di cambiare ambiente e di non trovare i cibi adatti, o dei bagni puliti e attrezzati a disposizione, da cui l’impossibilità di spostarsi (per svago o per lavoro). Problemi questi che indirettamente colpiscono anche la vita lavorativa, in quanto molti non sono in grado di reggere una giornata lavorativa di 8 ore. Quanto alle relazioni umane, i pazienti percepiscono in egual misura la solidarietà di amici, parenti e partner ma anche una certa difficoltà a farsi accettare con tutte le complicazioni che la malattia porta. Dover rifiutare una serata in pizzeria, dover costringere il fidanzato o la fidanzata a fare i conti con un partner debilitato per tutta la vita … sono pesi difficili da portare, anche considerato che la malattia si manifesta in modo particolare in soggetti di età compresa tra i 25 e i 45 anni.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico