Home » Benessere » Dagli USA, la molecola che ferma le fibrosi

Dagli USA, la molecola che ferma le fibrosi

Le cicatrici sono segni permanenti che ci ricorderanno per sempre quella tale caduta, quell’incidente doloroso, quell’intervento chirurgico. Mappa della memoria stampata sulla pelle e a volte parecchio anti-estetica, soprattutto se il processo di ricostruzione della pelle è troppo intenso e diventa fibrosi.

Si erano tentati diversi metodi per riparare a questo problema, come ad esempio il trapianto di pelle, con cellule prese da altre zone del corpo, ma con i rischi connessi a qualsiasi altro trapianto, incluse le infezioni o la malriuscita dell’impianto. Dagli Stati Uniti (Università di Stanford) arriva una soluzione forse definitiva e certamente meno rischiosa: la molecola anti-cicatrice.

Durante degli esperimenti su cavie da laboratorio, gli scienziati hanno testato nel corpo degli animali un particolare composto (denominato PF-573228) che ha cominciato ad agire su uno specifico enzima, responsabile dell’infiammazione e della creazione di tessuto connettivo fibroso, bloccandolo. In tal modo, intorno ai tagli e alle ferite degli animali, la cicatrice non si formava. Naturalmente la cicatrice è necessaria per risanare una ferita e impedire alle parti interne del corpo di rimanere esposte a batteri e impurità esterne, dunque un blocco totale della cicatrizzazione sarebbe negativo. Ma usare le proprietà di questa molecola per frenare in parte le fibrosi aiuterebbe molte persone a ritrovare la bellezza del proprio corpo e a cancellare i ricordi sgradevoli legati a una particolare cicatrice.

admin

x

Guarda anche

Vivere con cani e gatti migliora la salute dei bambini

Vivere con cani e gatti migliora la salute dei bambini sin dai primi mesi. A ...

Condividi con un amico