Home » Benessere » Gravidanza: perchè è meglio controllare le "voglie"

Gravidanza: perchè è meglio controllare le "voglie"

E’ un classico della donna in gravidanza, insieme alle nausee e all’umore “lunatico”: sono le voglie. Ovvero quegli irresistibili desideri di cibo che costringono mariti disperati ad uscire di casa alle 3 di notte per cercare gamberoni fritti piuttosto che torte Sacher!!

Ma cosa sono esattamente le voglie e perchè, dicono gli esperti, è meglio controllarle?
Le voglie sono generate dall’azione degli ormoni estrogeni, prodotti dalla placenta, che mettono in allarme l’organismo rendendo la futura mamma ansiosa, tesa e nervosa. Da qui, per calmarsi, la donna si “consola” con azioni compulsive, come appunto il mangiare continuamente lo stesso cibo. E’ la cosiddetta spinta compensatoria, la necessità istintiva di colmare una lacuna, di fare qualcosa in più per il nuovo essere che si porta in grembo. Un istinto dettato dalla chimica dell’organismo e non dalle emozioni di madre!

Tuttavia è bene non assecondare troppo queste voglie. Soprattutto quelle alimentari. E’ giusto mangiare di più in gravidanza, ma non eccedere. Durante i nove mesi, infatti, il vostro peso aumenterà naturalmente di suo (tra 9 e 12 chili) e integrare questo aumento con l’assunzione di ulteriori cibi “per voglia” può causare danni: iperglicemia per la madre, principi di bulimia, e un aumento di peso del bambino che potrebbe rendere più difficoltoso il parto. Se proprio non potete rinunciare ai vostri desideri alimentari provate almeno a inserirli all’interno di un pasto (pranzo o cena) così da smaltire “le voglie” insieme al resto del cibo durante la normale digestione quotidiana.

admin

x

Guarda anche

Mente e corpo: vive più a lungo chi ha “carattere”

TESTARDI E DETERMINATI, ecco come sono i soggetti che campano cent’anni! Lo rivela uno studio ...

Condividi con un amico