Home » Benessere » Bambino capriccioso? Forse è solo insonnia

Bambino capriccioso? Forse è solo insonnia

E’ sempre nervoso, risponde male, fa troppi dispetti al fratellino e si addormenta durante i compiti o la merenda. Di solito, davanti a questi comportamenti, i genitori (ma anche molti pediatri) concludono che il bambino è “troppo capriccioso” o che sta passando un “periodo di stress” e solitamente si lascia fare al tempo, che tutto guarisce. Ma se ci fosse dell’altro?

Il Cincinnati Children’s Hospital Medical Center ha condotto uno studio sui disturbi del sonno nei bambini di età inferiore a 11 anni e ha visto che sono tutt’altro che rari. Possono essere incubi frequenti, chiacchiere nel sonno o piccoli episodi di sonnambulismo, o anche soltanto un respiro pesante, come un russare, presente durante il loro riposo. Tutti questi segnali indicano che il bambini ha difficoltà a dormire, ad entrare cioè in quella fase di sonno profondo che serve a far riposare davvero il corpo.

I bambini che sviluppano problemi del sonno a questa giovanissima età rischiano più di tutti di diventare adulti sonnambuli o insonni, e dunque di subire di più lo stress della giornata e di essere irritabili e poco socievoli. Parlarne col pediatra e decidere insieme se sia il caso di intraprendere qualche terapia è consigliato. I problemi del sonno si possono individuare con un semplice monitoraggio e possono essere risolti con qualche tisana, qualche bevanda calmante o anche soltanto con azioni mirate di attenzione e di coccole verso il piccolo. Anche un sano movimento che stanca durante il giorno può risolvere un problema di insonnia infantile. L’importante è comunque non sottovalutare certi piccoli allarmi quotidiani.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico