Home » Benessere » Gastroscopia, novità non invasive in vista

Gastroscopia, novità non invasive in vista

Buone notizie per chi ha il terrore di quell’esame, molto comune e molto fastidioso, chiamato Gastroscopia. L’esplorazione dello stomaco potrebbe evolversi e diventare una tecnica di routine molto tranquilla per il paziente e sempre attendibile per i medici.

Finora occorre sedare il paziente sottoposto a gastroscopia, poiché viene inserita una cannula nella sua gola fino allo stomaco e questo potrebbe provocare soffocamento o rigetto. Ma anche a fine esame, dopo la sedazione, il fastidio alla gola rimane per giorni e con esso la sensazione sgradevole di avere “qualcosa infilato dentro”. Esiste un secondo metodo, meno pesante ma altrettanto fastidioso ed è la via anale. Una piccola sonda inserita dall’ano per controllare intestino e risalire in certi casi fino allo stomaco.

Ma uno studio congiunto Giappone, USA, Germania sta mettendo a punto la novità rivoluzionaria: una capsula grande come una pillola, che il paziente dovrà semplicemente ingoiare e che verrà poi manovrata (grazie a dei comandi e a un magnete) all’interno del suo corpo, esplorando le viscere in maniera indolore e assolutamente innocua. La gastroscopia è un esame utile per scoprire polipi, ulcere, cancro e lesioni varie e dunque la possibilità di renderlo meno pesante per il paziente regalerà il vantaggio di una richiesta maggiore di esami preventivi, e una più efficace lotta alle malattie.

admin

0 Commenti

  1. Buongiorno volevo sapere in quale ospedale /strutura a milano e dintorni è possibile fare questa visita non invasiva ( gastroscopia con capsula da ingoiare).
    grazie
    La Monaca Stefania

    • Grazia Musumeci

      Credo sia ancora in sperimentazione. Provi a informarsi presso l’ospedale più vicino a casa sua.

x

Guarda anche

Vaccini: come superare paure dei bambini

È molto comune tra i bambini la paura di sottoporsi ai vaccini. Come è noto, ...

Condividi con un amico