Home » Benessere » La "Lega dei Timidi" … non si vota, ma aiuta

La "Lega dei Timidi" … non si vota, ma aiuta

Si chiama “Lega per la Difesa dei Diritti degli Introversi” e non è un partito politico, ma un insieme di persone che sta cercando di porre rimedio a un problema -la timidezza- che pur non essendo una malattia vera e propria influenza pesantemente la vita di chi ne soffre.

Il timido è una persona che ha paura dei fallimenti e del giudizio sociale, una paura talmente feroce da spingerlo a fuggire verso il proprio mondo interiore dove si è al sicuro da figuracce e da problemi. Non si tratta di vera “vigliaccheria”, perchè anche un timido … davanti alla donna dei suoi sogni … riesce a darsi coraggio e a parlarle. E un timido cronico come l’attuale presidente del consiglio Mario Monti riesce, nonostante tutto, ad affrontare platee internazionali e giudizi critici di tutti. Il problema degli introversi non è il coraggio di fare le cose, ma la risposta negativa che, in molti casi, li inibisce al punto da non provarci mai più.

Oltre agli psicologi, ai fidanzati pazienti e agli amici, per aiutare queste persone stanno sorgendo gruppi di “auto-supporto”, ovvero gruppi di persone altrettanto timide che cercano di vincere insieme il problema. Uno psicologo riporta il caso di una donna talmente chiusa da non esprimersi nemmeno con la voce, ma solo con dei gesti. Ebbene, la sua passione per la poesia l’ha portata a conoscere un gruppo di poeti e, con loro, a trovare la forza di declamare versi in pubblico! Condividere con altri una passione, una inclinazione, oppure lo stesso problema restituisce sicurezza in se stessi a chiunque. A maggior ragione, per i timidi, è un’ancora di salvezza.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico