Home » Benessere » "Facebook Blues" … la depressione da social network

"Facebook Blues" … la depressione da social network

Tempi duri per Mark Zuckemberg e per la sua straordinaria invenzione. Facebook, la “città virtuale” più popolata del mondo sarebbe la causa dell’aumento della depressione nei soggetti giovani che ne fanno uso. Lo dice, senza tanti giri di parole, la Utah Valley University dopo aver analizzato 425 studenti abituali utenti del noto social.

Le domanda a cui i ragazzi avevano risposto riguardavano la propria vita, i propri desideri e problemi e quella dei loro amici “virtuali” conosciuti o collegati a Facebook. Il risultato è stato sconfortante. Giovani di vent’anni che si sentono già falliti, che guardano con invidia o rassegnazione il mondo perchè: “Gli altri sono meglio di me”.
La cosa buffa (e tragica allo stesso tempo) è che i loro amici pensavano la stessa cosa nei loro confronti. Questo perchè, la conoscenza tramite Facebook, ci porta a vedere ogni giorno foto di gente felice e a leggere commenti e situazioni di calma, serenità, soddisfazione che spesso sono INVENTATE, ma che da fuori suonano come vere. Da qui la convinzione che tutti sono felici meno noi, che tutti hanno una vita migliore della nostra, e la conseguente depressione, la “Facebook Blues”. E’ interessante ricordare che oltre il 90% degli intervistati ammetteva di non conoscere gli amici virtuali al di fuori di Facebook, fatta eccezione per tre o quattro unità. Quindi il confronto tra quanto letto e quanto davvero vissuto è impossibile, mancando il contatto reale.
Forse si dovrebbero incoraggiare gli incontri reali, oltre a quelli virtuali. E magari scoprire che il gran figo soddisfatto del proprio stipendio è un ragazzo normale e impaurito che ha appena perso il lavoro.

admin

x

Guarda anche

Per mentenervi giovani … giocate a calcio!

Diciamo la verità: in Italia non si sentiva proprio il bisogno di un ulteriore incentivo ...

Condividi con un amico