Home » Benessere » Donazione organi: il grande cuore della Toscana batte tutti

Donazione organi: il grande cuore della Toscana batte tutti

L’importanza della donazione di organi è un concetto da ripetere all’infinito, finché non si supereranno quelle ataviche e inutili paure legate a disinformazione e a superstizioni, a volte alimentate dal credo religioso.

Potrebbe insegnarci molto la Toscana, regione generosissima, che in dieci anni ha raddoppiato il numero dei donatori, superando anche il numero totale dei donatori in tutta la nazione. Il grande cuore toscanaccio ha battuto tutti e ha reso la regione la prima in Italia nel campo delle donazioni. E questo non significa certo che i toscani si stiano suicidando in massa, ma solo che si iscrivono in tanti alle liste dei possibili donatori, o che donano senza problemi gli organi di parenti o amici deceduti prematuramente.

Le paure legate a questo gesto, doloroso ma bellissimo, sono assurde. Non è vero che “i medici staccano la spina prima apposta per trapiantare”, perchè nessun organo prelevato prima di un ragionevole tempo di osservazione e valutazione della situazione potrebbe essere utile per il trapianto. Non è vero che ci si può risvegliare all’improvviso dal coma profondo, in quanto si tratta di uno stato di morte cerebrale in cui il cuore è tenuto in movimento solo dalle macchine. Non è vero che trapiantando gli organi, come alcune assurde credenze diffondono in giro, lo “spirito rimane legato alla terra”. La donazione avviene quando per una persona a noi cara non c’è più speranza alcuna … e regalando una parte di essa ad altri esseri umani si onora la sua vita come e più di prima. E’ una questione di testa, e di cuore. Non lasciamo la Toscana a gestire da sola tanta meravigliosa generosità!

admin

x

Guarda anche

Ricerca, bambini con dislessia vedono in modo speciale

I bambini con dislessia vedono in modo speciale. A sostenerlo sono i risultati di uno ...

Condividi con un amico