Home » Benessere » Il massaggio cardiaco: un gesto salvavita che possono far tutti

Il massaggio cardiaco: un gesto salvavita che possono far tutti

70.000 vittime ogni anno. Come una guerra. Come un’epidemia. Sono i dati degli attacchi cardiaci, o arresti cardiaci, improvvisi che possono uccidere se non si interviene in tempo (entro 5 minuti) e con competenza.

La manovra del massaggio cardiaco è semplice, possono farla tutti, anche i ragazzi ma è sempre meglio apprenderla presso i tanti corsi per soccorritori che si svolgono nelle scuole o nelle sedi della Crocerossa ogni anno. Il massaggio cardiaco consiste nel premere, con entrambe le mani, sullo sterno della persona. Colpi precisi, decisi, da alternare alcune volte (ma non sempre) con la respirazione bocca a bocca: un respiro ogni 4 compressioni … se agite insieme ad un altro soccorritore, oppure due respiri ogni 10 o 12 compressioni … se agite da soli.

Per sapere esattamente come fare, basta consultare i tantissimi opuscoli diffusi dal 118, oppure appesi ai muri di scuole e locali pubblici o meglio ancora cliccando sul web le parole “massaggio cardiaco”. Inoltre, è finalmente legge dello stato l’obbligo di possedere un defibrillatore, per lo meno nei locali pubblici (poste, uffici comunali, stadio, teatri) al di fuori degli ospedali. Usare il defibrillatore è semplice, basta applicare gli elettrodi e premere un pulsante. Le istruzioni sono indicate chiaramente e, anche questo, è spiegato in modo esauriente sugli opuscoli della Crocerossa o delle Misericordie d’Italia. Si possono salvare decine di vite, intervenendo con un minimo di competenza anche in mezzo a una strada, o durante un evento, in attesa che arrivino i soccorsi. Dovremmo essere tutti pronti a farlo e soprattutto più informati.

admin

x

Guarda anche

Mente e corpo: vive più a lungo chi ha “carattere”

TESTARDI E DETERMINATI, ecco come sono i soggetti che campano cent’anni! Lo rivela uno studio ...

Condividi con un amico