Home » Benessere » Antidolorifici, tutti i pro e i contro

Antidolorifici, tutti i pro e i contro

Dato che sono in aumento le malattie croniche, e aumenta di conseguenza l’uso che si fa degli antidolorifici, è bene conoscerli un po’ meglio, così da non incappare in errori che potrebbero costarci molto caro. Fermo restando che il consiglio del medico rimane il migliore da seguire.

Gli antidolorifici più comuni sono l’aspirina, il voltaren e l’oki, solitamente legati a dolori muscolari, a dolori influenzali e cronici. Sono basati su ketoprofene e ibuprofene, mentre a base di paracetamolo sono quei farmaci contro i dolori ossei e articolari (tachipirina).

L’aspirina, però, è controindicata a chi soffre di ipertensione, di problemi gastrici, malattie epatiche e alcuni scompensi cardiaci. I medicinali a base di ketoprofene e ibuprofene possono causare aborti nelle donne incinte. Il paracetamolo viene sconsigliato alle persone che hanno problemi epatici e anemia. Il mix di farmaci, in alcuni casi è buono e viene favorito dai medici, ma a parte loro nessuno può consigliarvelo. Non vi fidate dell’amico o del vicino che vi “passano le pillole” e non provate a mescolare medicinali di testa vostra. Il rischio è altissimo e coinvolge la vita stessa.

admin

x

Guarda anche

Mente e corpo: vive più a lungo chi ha “carattere”

TESTARDI E DETERMINATI, ecco come sono i soggetti che campano cent’anni! Lo rivela uno studio ...

Condividi con un amico