Home » Benessere » Sanità Low Cost? Si può fare

Sanità Low Cost? Si può fare

Un esperimento che parte da Roma, dal quartiere Primavalle, dove l’associazione Opera Don Calabria offre servizi ambulatoriali efficienti, precisi ma accessibili a tutti, anche a chi ha difficoltà economiche. Potrebbe essere il punto di partenza per ampliare un servizio medico “low cost” che aiuti i cittadini meno abbienti in tutto il Paese e magari che migliori anche il servizio sanitario nazionale.

Nell’ambulatorio di Primavalle, infatti, sono i pazienti a stabilire il prezzo della visita e delle cure, in base alle loro possibilità economiche. I servizi però sono comunque offerti da professionisti, che prestano la propria opera per pochi euro e che effettuano anche visite gratuite ai più poveri, grazie ai soldi lasciati dai pazienti più abbienti. Una realtà simile si ritrova al Sud, a Bari, dove una cooperativa sociale ha iniziato a gestire ambulatori no profit particolarmente indicati per le persone con disturbi pischici, ma aperti anche a cardiologia, dermatologia, dietologia (www.visitespecialistiche.com) .
Milano risponde con i propri “ambulatori popolari” (www.ambulatoriopopolare.org) , sia consultori che da visita, dove i prezzi sono dimezzati sia per i servizi dentistici, sia per logopedia, fisioterapia e psichiatria. La diffusione di servizi medici per la gente più povera non solo aiuta chi non ha le possibilità di curarsi, ma anche i professionisti che così entrano in contatto con realtà spesso sconosciute e imparano a farsi coinvolgere personalmente, esercitando la professione medica secondo il vero scopo per il quale è nata. Dare sollievo.

admin

x

Guarda anche

Ricerca, bambini con dislessia vedono in modo speciale

I bambini con dislessia vedono in modo speciale. A sostenerlo sono i risultati di uno ...

Condividi con un amico