Home » Benessere » Iniezioni, istruzioni per l'uso

Iniezioni, istruzioni per l'uso

E’ importante saperle fare, e non c’è mai un momento in cui non possa capitare. L’influenza prima, le allergie poi, le malattie croniche. Può sempre succedere, in famiglia, di dover “fare la puntura” a qualcuno. Per molti è un gesto fortemente impressionante, ma forse solo perchè non si sa come muoversi bene per evitare di far del male all’altro. Proviamo a capire come.

Conoscere le fasi preliminari innanzi tutto: lavarsi sempre le mani, evitare di toccare l’ago, far uscire per bene l’aria (quando il liquido schizza dall’ago significa che è fatta). Se dovete riempire la siringa con due fiale, una liquida e una in polvere, ricordate di aspirare prima quella liquida, poi di trasferire il liquido in quella in polvere e, dopo aver mescolato per bene fino a ottenere un liquido pure là, riaspirare il tutto.

Poi si procede. Bisogna inserire l’ago in posizione perpendicolare con mossa delicata (poggiandolo alla zona) ma decisa (premendo in profondità). Di regola si dovrebbe prima tentare di aspirare, per vedere se non si è preso per errore un vaso sanguigno, e dopo iniettare. Ma se l’iniezione si esegue su una fascia muscolare molto spessa (la parte superiore del braccio, il lato superiore del gluteo) questo rischio è pressoché inesistente. Al momento di uscire l’ago fatelo con decisione e disinfettate immediatamente la zona punta.
In caso di bambini piccoli e adulti sottopeso, l’ago NON DEVE mai andare troppo in profondità.
In casi di emergenza è bene saper eseguire questa semplice operazione, ma si consiglia sempre e comunque, potendolo fare, di rivolgersi a un infermiere professionista.

admin

x

Guarda anche

Unicef: 17 mln di bambini respirano aria inquinata

Sarebbero almeno 17 milioni i bambini nel mondo costretti a respirare aria molto inquinata. L’allarme ...

Condividi con un amico