Home » Benessere » Il digiuno? Può essere salutare per il cervello

Il digiuno? Può essere salutare per il cervello

Si entra da oggi in tempo di Quaresima. Per chi è credente, ciò comporta alcune regole alimentari molto rigide, con giornate di digiuno quasi totale che indicano rispetto per Dio. Per chi non crede, è solo una buona scusa per alleggerirsi un pochino. Secondo studi americani, il digiuno (solo un po’, però) fa bene al cervello.

Secondo questi studi, infatti, se si tagliano 500 calorie dalla dieta per appena due giorni su sette si stimolano le cellule cerebrali a tenersi attive e si rallenta la formazione di quei problemi che possono dar vita a malattie come Parkinson o Alzheimer. Non si tratta di grandi sacrifici, ma solo di evitare determinati alimenti (verdure, carne) per un paio di giorni ogni settimana, in modo alternato e pilotato da un bravo specialista.
I risultati dicono che “allenare” il cervello con un digiuno saltuario o con un semi-digiuno ogni tanto permette ai soggetti di allungare di un buon 40% le proprie aspettative di vita future. Ciò perchè la mancanza di calorie mette sotto pressione le cellule del cervello e le invita ad attivarsi in maniera straordinaria per non soccombere. Naturalmente, questo tipo di “stress” non va ripetuto spesso come un’abitudine, altrimenti si toglie al corpo – e al cervello- il motore principale di vita, il nutrimento. Diciamo che deve essere una tecnica mirata …. una tantum … come quelle punizioni che si danno ai bambini SOLO SE NECESSARIO, per migliorare il loro carattere. Ma che se continuate diventano abusi.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’aerobica fa bene al cervello

Che il movimento fisico faccia bene lo sappiamo tutti e sappiamo anche che, se non ...

Condividi con un amico