Home » Benessere » Vaccino anti-eroina? Dal Messico buone prospettive

Vaccino anti-eroina? Dal Messico buone prospettive

Una delle sfide più esaltanti del mondo scientifico, dopo la sconfitta del cancro, sarebbe trovare la cura universale per sconfiggere le dipendenze. In modo particolare la dipendenza da eroina, una delle droghe più pericolose che rende totalmente schiavi.

Uno studio condotto in Messico e cofinanziato dagli USA sta cercando di portare a compimento un vero e proprio vaccino anti-eroina. In Messico sono 450.000 le persone dipendenti da questa droga, con conseguenze terribili per la salute e per la legalità. Lo studio, condotto finora solo sui topi, sembra funzionare. Infatti, gli animali (che vengono portati alla dipendenza dando loro libero accesso a dosi di eroina) reagiscono bene alle cure sperimentali, al punto che alcuni, dopo il trattamento non cercano più la droga nemmeno se viene loro messa davanti al muso. Il vaccino inibirebbe la “voglia”, il “bisogno” di droga che ha l’organismo facendo così morire naturalmente la dipendenza.
Uno studio molto efficace, però ancora da verificare. I colleghi americani, infatti, da San Diego fanno sapere che occorre un vaccino più specifico, mentre questo ha ottimi effetti su qualsiasi genere di oppiaceo. Gli studi sono ancora in corso e aperti a ogni miglioramento.

admin

x

Guarda anche

Ansia: ecco come la combattono gli psicologi

Alcuni studiosi americani dell’Università di Washington hanno analizzato l’ansia da un punto di vista totalmente ...

Condividi con un amico