Home » Benessere » Mente e corpo: il riposo del cervello in depressi e anziani

Mente e corpo: il riposo del cervello in depressi e anziani

Il cervello è il centro del nostro essere, quello che determina il nostro carattere e gli atteggiamenti, le paure e le sicurezze. E’ sempre in moto, al punto che riesce a d eseguire complicatissime equazioni matematiche in frazioni di secondo (come ad esempio quando si deve calcolare se sia il caso di attraversare una strada in base alla velocità delle auto in arrivo).

Il risposo è importante per un organo che lavora così tanto e così di continuo. Ma purtroppo, per alcune persone, far riposare il cervello è impossibile. Sono le persone che soffrono di depressione e che non “staccano la spina” nemmeno di notte, producendo incubi e pensieri negativi. In loro manca il funzionamento di un recettore che di solito attiva il senso di calma quando non abbiamo molte cose da fare.

Di contro, nelle persone anziane il cervello riposa meglio e, in proporzione, più a lungo. Lo studio eseguito negli USA ha dimostrato che non è vero quello che si dice delle persone anziane, cioè che con l’età soffrano d’insonnia, anzi è l’opposto. Quelle poche ore di sonno di cui necessita il loro organismo, per il cervello, valgono come lunghe dormite e si alzano rinfrancati.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico