Home » Benessere » Un fiocchetto lilla contro la bulimia

Un fiocchetto lilla contro la bulimia

Si svolgerà domani a Genova, la primissima giornata del “Fiocchetto Lilla” allo scopo di prevenire e combattere i disturbi alimentari, in modo particolare la bulimia che ogni anno colpisce e uccide giovani donne di età compresa tra i 12 e i 25 anni.

L’iniziativa prende vita in ricordo di Giulia Tavilla, morta a soli 17 anni per colpa di questa malattia che porta la persona a mangiare a dismisura e a liberarsi, in seguito, del cibo ingerito provocandosi il vomito. Il rigetto del cibo scatena gli acidi dello stomaco, per cui è abbastanza pericoloso. Se praticato costantemente porta alla corrosione delle pareti dello stomaco e dell’esofago e a forme di cancro che, insieme alla forte denutrizione e disidratazione, uccidono senza pietà.
I disturbi alimentari sono sempre collegati a un disagio psichico ed è per questo che i genitori di Giulia, insieme all’associazione “Mi Nutro di Vita” vogliono far sì che questi drammi siano sempre meno, nel mondo. Si comincia sostenendo il disegno di legge che vuole istituire il 15 marzo di ogni anno come giornata per la prevenzione della bulimia. Per farlo, potete firmare la petizione proposta cercando sul web la Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla.

admin

x

Guarda anche

Si curava con “la dieta vegana” ma il tumore la uccide

Era diventata famosa per aver dichiarato a tutto il mondo di aver sconfitto il cancro ...

Condividi con un amico