Home » Benessere » Per riprendervi dall'ictus datevi all'arte

Per riprendervi dall'ictus datevi all'arte

Lo studio condotto dall’Università Tor Vergata di Roma, su un campione di 192 pazienti dell’eta’ media di 70 anni, tutti reduci da ictus e in fase di ripresa, ha dimostrato gli effetti benefici che l’arte ha sul cervello.

Indipendentemente dalla gravità e dal tipo di ictus, i pazienti che avevano avuto o avevano ancora una predisposizione e una passione per l’arte (pittura, musica, poesia, ecc.) recuperavano con molta più velocità. L’energia, l’ottimismo e il relax che l’arte infonde nel paziente lo aiuta a non lasciarsi scoraggiare dalle difficoltà e dagli ostacoli che inevitabilmente la malattia presenta.

E’ la dopamina che migliora l’umore e con esso la qualità della vita delle persone. Chi si dedica all’arte ha una carica di dopamina in più, rispetto a chi ha altri interessi, e dunque una marcia in avanti che consente di affrontare meglio i problemi. Si dovrà verificare questa ipotesi con nuovi studi, e con il tentativo di “curare” con l’arte anche persone che non vi sono portate, per vedere se l’effetto rende allo stesso modo.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico