Home » Benessere » La mappa dei vaccini: quali e quando

La mappa dei vaccini: quali e quando

Terrore dei bambini, sollievo dei grandi. I vaccini sono importanti perchè ci proteggono dall’aggressione di malattie che altrimenti potrebbero essere invalidanti oppure perfino mortali. Fin da quando furono scoperti, grazie a un virus benefico delle vacche (da cui il nome), sono sempre stati somministrati ad età e in situazioni ben specifiche. Ecco quali.

I più importanti per i neonati sono l’anti-epatiteB, l’antipolio e l’anti-tetanico e anti-tifico. Sono quelli che tutti i bambini tra zero e 1 anni devono fare con richiami regolari a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro. A questi primi vaccini si aggiungeranno man mano quelli contro le malattie esantematiche, quelli contro le malattie invasive e le influenze, quello contro lo pneumococco. Verso gli 11 anni si passa all’antitetanica con richiamo ogni dieci anni, l’anti-meningococco, l’anti-varicella, anti-pertosse e l’anti-papilloma virus (importante sia per femminucce che per maschietti). Naturalmente, a quell’età, comincia la vaccinazione annuale contro le influenze di stagione e, se è il caso, anche contro determinati tipi di allergie. Dai 18 anni in poi si useranno vaccini per adulti, più potenti e più protettivi, con richiami ben stabiliti a cadenza stavolta distribuita negli anni. Gli adulti di più di 50 anni non sono tenuti a nessun obbligo se non a quello dell’anti-influenzale, che serve a proteggerli dalle conseguenze di un’influenza che può sembrare banale ma lascia strascichi pesanti dietro sé.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico