Home » Benessere » Quei "tabù" che non osiamo confidare al dottore

Quei "tabù" che non osiamo confidare al dottore

Gli italiani vanno dal medico sempre meno. Sarà il bombardamento mediatico con le troppe storie di malasanità, sarà che godiamo più o meno di ottima salute, ma certamente non amiamo frequentare ambulatori. E quando ci andiamo ci guardiamo bene dal confidare alcuni disturbi.

Gli argomenti “tabù” sono: sesso, intestino, malattia mentale. Gli uomini evitano accuratamente di confessare i propri problemi di disfunzione erettile o di eiaculazione precoce, le donne hanno paura di confidare al ginecologo i problemi legati ai rapporti sessuali o al ciclo mestruale. Si ha imbarazzo anche a parlare di disturbi intestinali e naturalmente un eccessivo pudore a parlare di ansie e fobie, perchè nessuno vuol sentirsi dire: lei ha bisogno di uno psicanalista!
Ma il “tabù” più forte è quello legato alle perdite urinarie, che tocca principalmente le donne ma non solo. Le statistiche dicono che il problema può essere benissimo affrontato e risolto se la gente si decidesse a parlarne al medico, ma invece più della metà delle persone che ce l’ha (3 milioni, in Italia) lo tiene per sé, in segreto.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico