Home » Benessere » Retinite Pigmentosa, torniamo a parlarne

Retinite Pigmentosa, torniamo a parlarne

Date le richieste di molte persone affette da questo disturbo, si torna a parlare di Retinite Pigmentosa, o più facilmente di RP. Si tratta di una malattia ereditaria, di base genetica, e con entrambi i caratteri: recessivo (colpisce solo gli uomini) oppure dominante (colpisce uomini e donne, ma con una forma più leggera nelle femmine). Si manifesta con una graduale perdita della vista, detta “a cannocchiale” (si oscurano prima i lati dell’occhio e man mano fino al centro) e nei casi più estremi porta alla cecità notturna, una vera e propria incapacità di vedere appena va via il sole.

Il tutto avviene per colpa di una progressiva distrofia della retina e ad oggi non esistono cure confermate per fermare questo male. Studi molto recenti (anni 2000) hanno provato a porre delle soluzioni come ad esempio la “retina artificiale”, un piccolo apparecchio elettronico collegato con occhiali speciali che riesce a restituire un minimo di vista a chi li indossa, facendo per lo meno distinguere luci e forme degli oggetti, anche se non i colori o i dettagli. Ma la tecnica è ancora in fase di sperimentazione e non è in commercio. Sono in fase di sperimentazione anche cure a base di Vitamina A o tramite cellule staminali, ma anche in questo caso occorrerà tempo per attendere risultati e via libera all’uso.

La RP è considerata una malattia rara, più per la difficoltà della cura che per la sua diffusione che è anzi abbastanza ampia nel mondo. In attesa che la scienza faccia il suo corso, chi vuole può raccogliere informazioni in tempo reale presso le varie associazioni che seguono l’evoluzione di esperimenti e cure. In Italia ne esistono due, che si possono contattare presso www.retinitepigmentosa.it oppure presso l’associazione nazionale, http://www.airpi.it.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico