Home » Benessere » Palermo: lo scandalo del reparto oncologico del "Giaccone"

Palermo: lo scandalo del reparto oncologico del "Giaccone"

Sono intervenuti oggi il ministro della salute in persona, Balduzzi, e l’assessore regionale alla sanità della Regione Siciliana, Massimo Russo, nella incresciosa vicenda che ha coinvolto il Policlinico Giaccone di Palermo, dopo che una giovane paziente del reparto oncologico è morta per un errore di farmaco nel suo trattamento chemio.

Una ispezione condotta da una commissione multidisciplinare ha infatti rilevato gravissime irregolarità, all’interno del reparto. Scarse condizioni igieniche, pessime condizioni di sicurezza, pochi infermieri (quasi tutti precari) e una ingiustificabile incuria nello svolgimento di alcune operazioni (preparazione dei farmaci, contenitori senza etichette…), per citarne solo alcune. Inoltre si registrano comportamenti spiacevoli nei confronti dei malati lì ricoverati da parte di alcuni membri del personale e poca o nessuna regolamentazione del ruolo degli specializzandi all’interno della struttura.

Il reparto è stato chiuso e ogni sua attività sospesa, in attesa che venga fatta chiarezza e che si stabiliscano le responsabilità. Una sospensione resasi necessaria perchè sono letteralmente “venute a mancare tutte le condizioni di sicurezza per i pazienti” e dunque si dovrà correre ai ripari in maniera immediata.

admin

x

Guarda anche

Vaccini: come superare paure dei bambini

È molto comune tra i bambini la paura di sottoporsi ai vaccini. Come è noto, ...

Condividi con un amico