Home » Benessere » Baby sitter speciali per bimbi con "fattore X"

Baby sitter speciali per bimbi con "fattore X"

Fare la baby sitter è già un lavoro pesante, perchè occorre pazienza, preparazione e nervi saldi per capire le esigenze di un bambino e seguirle con attenzione. Immaginate quindi se il bambino in questione ha quel “fattore X” in più, chiamato “disabilità”.

In quel caso occorrono baby sitter speciali, gente che conosca tutti i segreti per approcciare i piccoli con problemi fisici o mentali. L’idea di creare un servizio specifico per le famiglie con questi problemi è venuta a Gianni Del Corral, di Torino. Lui ha fondato l’associazione BABY X-ITTER, per aiutare bambini con gravi disabilità, come i suoi figli.

Sono stati “arruolati” nel gruppo giovani e meno giovani con grande esperienza psico-pedagogica, con laurea in neuropsichiatria, in psicologia o pedagogia che, oltre a coadiuvare i genitori (spesso lasciati a se stessi) possono capire le esigenze speciali di questi bimbi speciali. Un’idea che ancora mancava e che ora, in Piemonte, è una felice realtà … che si spera verrà esportata in tutta la nazione.

admin

x

Guarda anche

Parkinson: un metodo per alleviare i sintomi

Il Parkinson lo abbiamo conosciuto tutti, in mondovisione, nella sofferenza di Papa Giovanni Paolo II ...

Condividi con un amico