Home » Benessere » Allergie: perchè peggiorano in città

Allergie: perchè peggiorano in città

Primavera, tempo di allergie, lo sanno tutti. E sanno anche che la colpa è dei pollini, delle infiorescenze, insomma delle piante. Eppure, paradossalmente, non è la campagna che fa registrare i record di persone allergiche ma sono le città. Le grandi città, per essere esatti.

Le piante e i pollini esistono anche al centro di Milano, di New York e di Parigi … e per fortuna, dato che il verde garantisce un minimo di ossigeno contro l’inquinamento … ma il problema delle grandi città è innanzi tutto l’inquinamento. Le polveri di petrolio, la particelle chimiche o organiche che si sollevano dalle nostre strade e volano tutto intorno a noi tendono ad “agganciarsi” ai pollini che viaggiano da un parco all’altro. E se già il polline di per sé ha una “carica” allergica molto forte, combinato con l’inquinamento umano diventa un pericolo doppio.

I pollini di città causano forti irritazioni polmonari e un addensamento delle mucose diverso (e più grave) di quello causato dalle normali allergie “campagnole”. Ecco perchè si registra un drastico aumento di persone allergiche proprio nelle grandi città e, in generale, nei paesi industrializzati, mentre pare in calo o stabile nelle province e nei paesi più poveri. Il problema, nelle città, è aggravato dal fatto che le persone tendono a curarsi in modo autonomo e superficiale, peggiorando così un disturbo che altrimenti si può risolvere bene.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché le diete esagerate fanno male

Gli americani le chiamano “Crash Diet” e sono quelle diete super ferree, super intensive, che ...

Condividi con un amico