Home » Benessere » Salute in cucina: come preservare le vitamine nei cibi

Salute in cucina: come preservare le vitamine nei cibi

Sono importanti perchè ognuna di esse ha una funzione necessaria al nostro organismo. Le vitamine, denominate secondo le lettere dell’alfabeto, sono presenti nei cibi che mangiamo ma spesso, a causa di cotture sbagliate, perdono la loro efficacia. Come fare per evitarlo?

Bisogna segnarsi questo semplice promemoria. Cucinare sempre fino alla giusta cottura, senza esagerare per ottenere “croccantezza” o “gusti particolari”, in quanto l’eccesso di cottura (oltre i 40°) fa perdere le proprietà delle vitamine B e C. Se volete salvare le vitamine delle verdure non fatele bollire in pezzi, ma intere. Oppure, se le tagliate a pezzi, ricordatevi di consumare il brodo che avrà intanto assorbito le vitamine perdute dalla pianta. Se diluite troppo l’arancia o il limone quando fate le vostre aranciate non permettete alla vitamina C di operare al meglio e se bevete latte del tutto scremato non assumerete la vitamina D, presente e utilissima nel latte intero. Assumete molti cereali e olive se volete proteggervi dall’inquinamento con la vitamina E … e se lavorate tanto al computer mangiate tante carote e tante insalate a foglia verde (possibilmente crude), che contengono vitamina A, utile per i vostri occhi.

admin

0 Commenti

  1. Sono da poco passata al latte intero, in quanto il mio medico mi ha confermato che quello scremato ha pochi elementi nutrizionali (io soffro di anemia).
    Per quanto riguarda l’acqua di cottura delle verdure, ad esmepio il broccolo io poi ci faccio cuocere la pasta, perché così ha un gusto più intenso. Potrebbe essere un modo per riassorbire le vitamine della verdura perse durante la cottura?

x

Guarda anche

Una “buona” cura preventiva per l’infarto? Lo yogurt

Mangia yogurt e campa cent’anni. O per lo meno, se ti ammalerai, non sarà per ...

Condividi con un amico