Home » Benessere » Fecondazione con gameti di estranei: decide la Corte

Fecondazione con gameti di estranei: decide la Corte

Tre richieste da tre tribunali diversi del Paese mettono in discussione la Legge 40 del 2004 in cui si stabilisce che non è possibile effettuare, sul territorio italiano, fecondazioni che utilizzino ovociti o spermatozoi di estranei. Una forma di tutela introdotta per evitare il “far west” della procreazione, la voglia di figli senza controllo alcuno, ma anche un divieto che impedisce a delle coppie di provare a diventare genitori.

Una discussione scientifica ed etica molto complessa, su cui tra poco deciderà la Corte Costituzionale che dovrà decretare se il divieto insito nella Legge 40 sia o meno compatibile con i diritti costituzionali del nostro Paese. Chi si scaglia contro questo metodo cita gli esempi gravi di una coppia, che ha fatto la fecondazione eterologa all’estero, e anni dopo la nascita del bambino ha scoperto che era malato di una forma di neurofibromatosi, malattia genetica per eccellenza, trasmessa dal donatore. O cita quelle donne anziane che decidono di portare avanti gravidanze plurime a rischio proprio e dei bambini.

Chi invece difende questa scelta sono coppie sterili ma anche medici che hanno studiato la questione e assicurano che in Italia ci sono tutte le misure di sicurezza per far sì che tragedie come queste non si verifichino, anche nella donazione di gameti da estranei. Se la Corte esprimesse parere favorevole alla cancellazione dei divieti cadrebbe l’ultimo ostacolo su un argomento (fecondazione artificiale) che ha già visto molti “stop” infrangersi sotto la spinta delle coppie che vogliono un bambino a tutti i costi.

admin

x

Guarda anche

Ecco come il dottor Nicola ha salvato Lia da una sindrome rarissima

Il genio non deve essere per forza una persona che riesce a creare capolavori ogni ...

Condividi con un amico