Home » Benessere » Farmacie contro i tagli: possibile sciopero il 26 luglio

Farmacie contro i tagli: possibile sciopero il 26 luglio

Il presidente di Federfarma, Annarosa Racca, annuncia la tanto temuta serrata delle farmacie italiane per giovedì 26 luglio. Una protesta annunciata contro i tagli apportati dalla revisione di spesa (spending review) del Governo Monti e che coinvolgono anche il mondo dei farmaci.

Tra i provvedimenti contestati l’aumento dello sconto obbligatorio che le farmacie e le aziende produttrici praticano nei confronti del Sistema Sanitario Nazionale (che comporterà una perdita di 10.000 euro l’anno); poi il tetto di spesa dell’11,5% del totale della spesa sanitaria, che costerà -dice Federfarma-perdite di 30.000 euro l’anno. Come se tutto questo non bastasse rischiano di chiudere alcune farmacie, col risultato che si perderanno 20.000 posti di lavoro.

Tutto ciò è inaccettabile e per questo i farmacisti e le aziende farmaceutiche hanno intenzione di indire una serie di pesanti proteste, cominciando proprio dallo sciopero del 26 luglio in poi. Se le cose non cambieranno, se il decreto non verrà modificato dal Senato prima della sua conversione in legge la situazione precipiterà in maniera definitiva. Occorre trovare un accordo subito, cosa alla quale stanno lavorando sia i rappresentanti del PDL che quelli delle aree di sinistra.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico