Home » Benessere » Droga: il pericolo "Ecstasy", nel breve e lungo termine

Droga: il pericolo "Ecstasy", nel breve e lungo termine

Si torna a parlare di Ecstasy, la droga che uccide forse più di ogni altra. E lo fa in maniera subdola, come una roulette russa, perchè può bastare una pasticca presa per la prima volta oppure la quarta, o la decima … a “sorpresa”. E anche se non uccide, causa dei danni irreversibili al cervello già in giovane età.

Si sapeva già che questa droga attacca il fegato in maniera feroce e altamente distruttiva. Ma anche laddove una persona dovesse sopravvivere a questo attacco nel breve termine, sono tantissimi i danni che può derivarne, su tutto l’organismo, nel lungo termine … anche dopo anni. Danni che soprattutto deteriorano il cervello e la memoria, come evidenziato da uno studio condotto presso l’università di Colonia, in Germania.

I ricercatori hanno studiato un campione di persone di età compresa tra 18 e 35 anni, tutti sani fisicamente e mentalmente, ma tutti accomunati da aver fatto uso di Ecstasy. Si trattava sia di consumatori abituali che di consumatori occasionali, o di gente che aveva provato la pasticca una sola volta. Ebbene, nel corso di un anno, tutti hanno mostrato gravi perdite nella memoria episodica, quella cioè che riguarda tutto il nostro percorso di vita. Problemi alla memoria molto simili a persone anziane e colpite da demenza o da malattie neurodegenerative.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico