Home » Benessere » Sei rumeno? Niente trapianto, a Padova. Cardiopatico salvato dall'ospedale di Udine

Sei rumeno? Niente trapianto, a Padova. Cardiopatico salvato dall'ospedale di Udine

Una faccenda da chiarire. Una brutta storia, comunque siano andate le cose, che esige una spiegazione perchè nella peggiore delle ipotesi è un atto di razzismo, nella “migliore” è comunque un caso di malasanità. Si tratta di un trapianto mancato, di una storia assurda che si è verificata a Padova.

Protagonista suo malgrado un uomo, un marittimo rumeno regolarmente impiegato su una nave italiana, colpito da infarto e ricoverato presso un ospedale veneziano che avrebbe avuto salva la vita solo se sottoposto a un trapianto di cuore urgente al nosocomio di Padova. Per ragioni tutte da chiarire, invece, il trasferimento e l’operazione sono state negate. Al contrario, pare che i medici abbiano consigliato all’uomo di “proseguire le cure in Romania in attesa del cuore disponibile”.

Il paziente, però, versava in gravissime condizioni al punto che è stato necessario trasferirlo d’urgenza in Friuli, all’ospedale di Udine, dove è stato trapiantato e ora è già in fase di ripresa senza particolari problemi. La vicenda potrebbe finire qui se non fosse che “girano voci” inquietanti sulle motivazioni del rifiuto del cardiochirurgo padovano, il quale avrebbe detto al collega: “Operalo tu! Io i cuori italiani li do agli italiani!“. Un’affermazione, questa, che se provata vera sarebbe gravissima e verrebbe meno a tutta l’etica medica oltre che al dovere di un uomo che gestisce con le proprie mani la salvezza della vita di altri esseri umani. Le indagini sono tutt’ora in corso.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico