Home » Benessere » Stagione di funghi. Regole di sicurezza anti-avvelenamento

Stagione di funghi. Regole di sicurezza anti-avvelenamento

Per i fortunati del Nord, dove sono arrivate abbondanti le prime piogge, non sarà difficile passare queste prime domeniche autunnali alla ricerca dei funghi. Al Sud la “caccia” comincerà tra qualche giorno, non appena andrà via lo Scirocco e tornerà la stagione autunnale. E il fungo, si sa, è il RE dell’autunno.

Ma è un “re” insidioso, che sa proteggersi bene dai suoi nemici e se non lo si conosce bene si finisce uccisi … dal suo veleno. L’ideale sarebbe far controllare SEMPRE i funghi raccolti da un esperto, perchè cercare di riconoscerli da soli comporta il rischio dell’errore. E un errore da fungo velenoso si paga con vomito, diarrea e con una disfunzione del fegato che porta alla morte! Nei casi migliori, il tutto “si risolve spontaneamente o con l’aiuto della terapia sintomatica (reidratazione, antispastici, antivomito)”, assicurano gli esperti, ma è sempre meglio andarci preparati.

I più pericolosi sono i funghi della specie Amanita e Cortinaro, in modo particolare Amanita phalloides, Amanita verna, Amanita virosa, Galerina autumnalis. Potete già cercare questi funghi su Internet e farvi un’idea della loro forma e del colore, ma ribadiamo che il massimo della sicurezza è sempre portare con sé un libro sui funghi o meglio ancora farli controllare dai micologi dopo la raccolta. Se acquistate i funghi al supermercato avrete certamente più sicurezza ma anche qui dovete fare attenzione ad alcuni particolari: il profumo (che deve esserci, per esser sicuri che un fungo non sia andato a male), l’etichetta che porti il nome del fungo e l’approvazione della ASL e infine preoccupatevi di consumarlo in fretta dopo aver aperto il pacco.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’aerobica fa bene al cervello

Che il movimento fisico faccia bene lo sappiamo tutti e sappiamo anche che, se non ...

Condividi con un amico