Home » Benessere » Botta e risposta: la clinica "Humanitas" di Catania, smentisce lo scandalo elettorale

Botta e risposta: la clinica "Humanitas" di Catania, smentisce lo scandalo elettorale

In merito all’articolo pubblicato ieri, sullo scandalo delle “telefonate elettorali” da parte della clinica oncologica “Humanitas” di Catania, il polverone si è alzato, ha offuscato il cielo ed è ricaduto in terra senza (apparentemente) lasciar traccia. Che le telefonate fossero vere pare non ci siano più dubbi, che provenissero dalla clinica invece è ancora da accertare.

E’ stato accertato che la signora Rosa Oliva, che per prima ha denunciato il fatto, ha davvero ricevuto telefonate che la invitavano -a nome di un professore della clinica- a votare il candidato Luca Sammartino dell’UDC. Ma la clinica smentisce fortemente e lo stesso candidato si dichiara estraneo a questi fatti incresciosi. ”L’ospedale si riserva di valutare l’accaduto ed è pronto a tutelare il proprio nome in tutte le sedi più opportune” dichiara la direzione della “Humanitas”.

E il dottor Sammartino aggiunge dal suo facebook personale: “Ho appreso con stupore che sarebbe stato utilizzato impropriamente il nome di Humanitas Centro Catanese di Oncologia di Catania per sostenere la mia candidatura. In particolare alcuni pazienti sarebbero stati chiamati nelle ultime ore per ottenere interesse nei miei confronti. Ci tengo a precisare che Humanitas in nessun modo e a nessun titolo mi rappresenta. Se queste telefonate sono state fatte, sono a titolo assolutamente privato, e mi scuso con l’ospedale, un istituto che gode grande considerazione nella comunità catanese, per il danno che potesse essergli stato arrecato in questo frangente“. Toccherà stabilire se tutto questo fatto sia frutto di una campagna elettorale velenosa o se vi sia dietro dell’altro.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico