Home » Benessere » Influenza: vaccino in ritardo, ma si può prevenire con una buona igiene

Influenza: vaccino in ritardo, ma si può prevenire con una buona igiene

Il Ministero della Salute mira a proteggere dall’influenza almeno il 95% degli italiani. La stagione di malattia che sta per aprirsi non dovrebbe colpire nè gli anziani, nè i bambini, nè le donne in gravidanza (per i quali il vaccino è gratuito) e meno che mai gli operatori del settore sanitario, per cui il vaccino è un obbligo.

Purtroppo, però, si prevede che in molte regioni vi saranno ritardi nella distribuzione del vaccino anti-influenzale. Ciò è dovuto a disguidi di approvvigionamento ma soprattutto alla natura del terzo ceppo di virus presente quest’anno, un tipo particolarmente lento a evolvere e dunque ancora da inquadrare in un medicinale che lo contrasti. Non appena sarà disponibile anche il terzo vaccino, si comincerà la campagna protettiva.

Nel frattempo si può prevenire l’influenza curando una buona igiene, soprattutto delle mani. Oggi si celebra nel mondo il “Handwashing Day”, il giorno delle mani che si lavano voluto dall’UNICEF per ricordare al mondo intero che basta un gesto così banale per salvare addirittura la vita a 2000 bambini ogni giorno! Lavarsi le mani protegge anche dal virus influenzale, oltre alle precauzioni spesso ripetute: evitate luoghi affollati e contatti con persone già ammalate.

admin

x

Guarda anche

Allergie alimentari, prevenirle in gravidanza e allattamento

In gravidanza e allattamento è possibile prevenire le allergie alimentari dei più piccoli. A sostenerlo ...

Condividi con un amico