Home » Benessere » Il fumo uccide i giovani prima dei 20 anni. Lo stato chiede aiuto allo sport per sensibilizzare

Il fumo uccide i giovani prima dei 20 anni. Lo stato chiede aiuto allo sport per sensibilizzare

Le ricerche recenti lo dicono chiaro e tondo. Soprattutto per le donne, ma non solo per loro, chi smette di fumare guadagna ben 10 anni di vita in più. Abbandonare il vizio del fumo, o meglio ancora non prenderlo mai, aiuta il nostro corpo a evitare malattie terribili che possono portare alla morte prima dei 50 anni.

Anzi, prima dei 30. Infatti l’età in cui si inizia a fumare si è notevolmente abbassata. Oggi si comincia a fumare a 14 anni e si fuma una media di 24/30 sigarette al giorno per tutti gli anni a venire. Non occorre molto per fare un rapido conto: le neoplasie causate dal fumo (ma anche da altri eccessi, come alcol e droga) hanno un tempo determinato di sviluppo, la giovane età accelera il processo di tale sviluppo… il risultato è che tumori che potrebbero comparire fra i 30 e i 40 anni, invece, si manifestano molto prima.

Il Congresso dei Medici Oncologi Italiani ha messo in luce la drammatica realtà. Sono a rischio per tumori causati dal fumo quasi tutti gli adolescenti sotto i 20 anni. La disinformazione è incredibile… nelle scuole solo il 12% dei ragazzi sa quali conseguenze ci si deve aspettare dal fumo e dagli eccessi. Per questo motivo la Presidenza del Consiglio dei ministri, il Comitato olimpico nazionale italiano (Coni), la Federazione italiana giuoco calcio (Figc) e la Federazione medico sportiva italiana (Fmsi) con l’aiuto di tanti atleti hanno organizzato “Non farti autogol”, una manifestazione per sensibilizzare i giovanissimi sul problema fumo e sui rischi che corrono.

admin

0 Commenti

  1. Bella iniziativa ma sono certo che ci sia qualcosa che puzza dietro quel NON.
    Sappiamo che l’arte della persuasione è molto sottile e dire “NON fare autogol” sembra quasi un invito a farlo.
    Come la mamma che dice al bimbo di NON mangiare i biscotti o NON giocare con laterra.
    Il NON è persuasivo, per cui a me sembra un invito a fare l’autogol, a fumare.
    Una buona iniziativa dovrebbe chiamarsi con un nome in Positivo e Non in Negativo.
    Ragazzi facciamo gol con la salute, vittoria dell’aria pulita sul fumo, respira aria di vittoria ecc..
    I divieti servono solamente da incentivo, ragazzi…

x

Guarda anche

Giornata Mondiale Contro il Cancro Infantile: servono cure mirate

Ogni tre minuti nel mondo un bambino muore di cancro. In occasione della XVI Giornata ...

Condividi con un amico