Home » Benessere » Fine delle speranze per Celeste e Smeralda: bocciato senza appello il metodo Stamina

Fine delle speranze per Celeste e Smeralda: bocciato senza appello il metodo Stamina

Pericoloso. Assurdo. Fuorilegge. Ecco i termini con cui è stato definito, e bocciato in via definitiva, il metodo Stamina usato dai dottori Davide Vannoni e Marino Andolina e che aveva sollevato polemiche la scorsa estate quando, per precauzione, erano state sospese le attività della clinica bresciana che usava tale terapia.

Ricorderete allora la lotta dei genitori della piccola Celeste e della piccola Smeralda, due bimbe (veneziana una, catanese l’altra) che grazie al metodo delle staminali stavano ottenendo graduali miglioramenti nel loro stato di salute gravemente minato da malattie rare. Ma il ministero ha deciso lo stop. La terapia Stamina, assicura, “è pericolosa per la salute perché a volte ai pazienti è inoculato materiale biologico prelevato dallo stesso malato. Ma altre volte vengono iniettate cellule prelevate da terze persone, con il rischio di contagio batterico e virale. Inoltre i metodi di trattamento e preparazione della terapia sono fuorilegge”.

Durante l’indagine sarebbero state trovate anche gravi anomalie legali, come ad esempio brevetti non in regola, laboratori clandestini nella Repubblica di San Marino, e così via. Per motivi di sicurezza, dunque, si è deciso di fermare tutto, anche la sperimentazione … anche quella che stava dando buoni risultati, a sentire le dichiarazioni dei genitori delle due bambine. Il ministero ha paragonato questa cura alla “Cura Di Bella” contro il cancro … per sottolinearne la poca affidabilità. E’ anche vero però che, molti anni dopo, il panorama scientifico italiano ha riconosciuto alla Cura Di Bella una validità non indifferente … per bocca di un grande luminare come il professore Veronesi.

admin

x

Guarda anche

Ecco come il dottor Nicola ha salvato Lia da una sindrome rarissima

Il genio non deve essere per forza una persona che riesce a creare capolavori ogni ...

Condividi con un amico