Home » Benessere » L'uomo sempre meno "sapiens". Colpa delle troppe comodità

L'uomo sempre meno "sapiens". Colpa delle troppe comodità

In principio era un essere selvaggio che doveva combattere contro gli elementi della natura, contro il disagio, contro i nemici. Ogni giorno, il mondo intorno gli suggeriva modi per difendersi e per attaccare, per ottenere il cibo e per trasformare l’ambiente. Spinte che stimolavano il cervello e le capacità intellettive. Così è nato l’uomo, il più intelligente tra gli “animali”.

Ma così come è nato, questo fenomeno rischia di sparire. Nel corso dei millenni, la selezione naturale ha portato avanti coloro che sapevano come cavarsela, quindi coloro che sapevano usare il cervello. Ma da qualche tempo in qua … da quando comodità e tecnologia sono alla portata di tutti … l’intelligenza umana è “in pausa” e rischia seriamente di regredire.

Il computer pensa per noi, l’i-phone parla per noi, i mezzi camminano per noi e la tecnologia cancella qualsiasi disagio. A causa di ciò, l’uomo sta lentamente delegando a oggetti fuori di sé tutte le capacità del proprio cervello. L’unico modo per evitare la regressione totale è quello di scoprire o riscoprire le milioni di mutazioni umane che possono compromettere le nostre funzioni intellettive e cambiarle prima che sia troppo tardi.

admin

x

Guarda anche

Inquinamento prima causa infertilità maschile

L’inquinamento è la prima causa dell’infertilità maschile. Gli ultimi dati relativi alla fertilità degli uomini ...

Condividi con un amico