Home » Benessere » Oggi la giornata mondiale contro l'AIDS, che uccide di meno ma contagia di più

Oggi la giornata mondiale contro l'AIDS, che uccide di meno ma contagia di più

La prima venne indetta nel 1988, quando ancora l’AIDS era un incubo che faceva molti morti e troppi contagi ogni giorno. Oggi il rito si ripete, anche se molte cose sono cambiate. Si celebra oggi la Giornata Mondiale contro l’AIDS e si punta ancora al numero zero: zero morti, zero contagi.

La guerra è quasi vinta, molte ricerche mediche dichiarano ormai l’AIDS come malattia cronica non più mortale, ma ancora qualcuno ne rimane vittima. E’ notizia di ieri che due persone sono morte di AIDS recentemente a Roma e anche se non sono cifre pandemiche come quelle degli anni Ottanta è un segnale che bisogna ancora combattere. Inoltre, se è a buon punto la lotta contro la mortalità, il contagio è ancora un allarme.

Il contagio infatti sta aumentando, in questi giorni, e se prima riguardava un target specifico (giovani, drogati, omosessuali) ora si è esteso a ogni tipo di persona. E’ sconvolgente il numero di uomini sani anziani contagiati dalla malattia, per colpa di avventure sessuali non protette, e la conseguente trasmissione anche alle loro compagne. La sicurezza che ormai l’AIDS si può tenere a bada ha illuso molti che fosse vinta. Così non è, esiste ancora e va combattuta soprattutto con l’uso della saggezza… e di precauzioni importanti, in modo particolare durante un rapporto sessuale.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico