Home » Benessere » Iperattività uguale criminalità? Non è detto, secondo gli svedesi

Iperattività uguale criminalità? Non è detto, secondo gli svedesi

Polemiche a non finire su alcune teorie secondo le quali la sindrome da iperattività e deficit dell’attenzione (ADHD) , tipica di molti bambini, sarebbe il primo passo verso la formazione di nuove leve criminali. Lo dichiaravano negli scorsi anni alcuni scienziati europei scatenando discussioni e studi susseguenti che prima smentivano e poi riconfermavano la teoria.

Ma davvero un bambino iperattivo sarà un criminale, da grande? Molti sportivi e molti attori che lo sono stati dimostrano di no, e oggi lo dimostra anche la ricerca condotta dal Karolinska Institutet di Stoccolma (Svezia) che ha rianalizzato tutti gli step precedenti sull’argomento. I ricercatori hanno innanzi tutto stabilito che la conseguenza dell’ADHD non è la criminalità, ma un serio disturbo del comportamento da adulto che potrebbe portare a scelte sbagliate … ma non per forza. Inoltre hanno anche dimostrato che le persone iperattive che seguivano una terapia farmacologica apposita da ragazzini riuscivano a correggere quei comportamenti esagerati, da adulti, riuscendo ad avere una vita molto normale e certamente rispettosa della legge.

admin

x

Guarda anche

Cattive abitudini mettono a rischio salute denti dei piccoli

Cattive abitudini mettono a rischio la salute dei denti dei più piccoli. A causa di ...

Condividi con un amico