Home » Benessere » La profezia dei Maya? Nessuna fine del mondo, solo il passaggio di un'era scientifica

La profezia dei Maya? Nessuna fine del mondo, solo il passaggio di un'era scientifica

La grande scienziata italiana Margherita Hack rassicura tutti: non moriremo il 21 dicembre. Non per colpa della “fine del mondo” almeno. La teoria dei Maya? Assurda! Il 21 dicembre il pianeta non esploderà e non si oscurerà il sole.

Certo, il sole morirà prima o dopo, tutti gli scienziati lo sanno e non lo negano. Non succederà venerdì prossimo, però, ma tra “appena” 5 miliardi di anni. Sarà una cosa naturale, l’esaurimento dell’idrogeno lo costringerà ad espandesi e a bruciare tutto quello che gli sta intorno, Terra inclusa. Ma non è un problema che ci riguarda e non riguarda nemmeno i nostri tris-nipoti! Quello che ci riguarda è l’acqua, l’aria, l’inquinamento che sta uccidendo insetti e animali. Questi sono gli errori che rischiano di azzerare la razza umana nell’arco di pochissimi anni, se non vi si pone rimedio.

In realtà, quello che potrebbe verificarsi in questo inverno, è il passaggio della Terra dentro la cosiddetta “cintura fotonica“: secondo alcuni esperti questo potrebbe lasciare il nostro Pianeta per tre giorni al buio e rallentare il moto di rotazione del pianeta (studio del dottor Alexei Dmitriev) e si potrebbero avere alcuni stravolgimenti a livello di ambiente con qualche aumento di terremoti e tempeste magnetiche, ma nulla di “universalmente catastrofico”. La Terra, infatti, potrebbe continuare a viaggiare dentro questa cintura fotonica almeno per altri 3000 anni senza subire grosse mutazioni, ma certamente preparandosi con minuscoli cambiamenti a un destino nuovo e ancora sconosciuto. Se qualcuno volesse credere ai Maya piuttosto che alla scienza, si consoli con ciò che dicono i maggiori studiosi dell’antica civiltà sudamericana secondo i quali il 21.12.2012 corrisponderebbe al ritorno sulla Terra del loro Dio e dell’inizio di una nuova era di vita … non certamente di morte.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico