Home » Benessere » A Torino, i primi "sconti popolari" per le medicine

A Torino, i primi "sconti popolari" per le medicine

Ci sono città abituate da sempre, e più di altre, a convivere con i problemi dei lavoratori e dei poveri. Sono le città a grande richiamo lavorativo, dove si riversano nei secoli milioni di persone in cerca di benessere. Torino, in Italia, è una di queste. Ha richiamato prima la gente delle campagne, poi tantissimi meridionali e oggi molti immigrati extracomunitari.

I quartieri delle case popolari, dove la vita è sacrificio e disagio, non sono una novità nel capoluogo piemontese ed ecco perchè la città è tra le prime ad affrontare consapevolmente uno dei problemi principali della gente meno abbiente in tempi di crisi: l’acquisto di medicine. La chiamano “carta fedeltà” e verrà distribuita in tutte le farmacie a chi potrà dimostrare di vivere in alloggi popolari assegnati. La carta prevede sconti del 10% o del 15% sui medicinali di cui queste persone hanno bisogno e non è una cosa da poco.

Un protocollo d’intesa è stato firmato tra l’Agenzia Territoriale per la Casa e le Farmacie Comunali di Torino per fare in modo che questi cittadini meno fortunati possano sentirsi protetti anche dal punto di vista sanitario. Si tratta di gente che fa lavori umili, o che ha perduto il lavoro, e avere un tetto sulla testa e una sicurezza per la salute serve loro a recuperare fiducia e dignità. Una bella iniziativa che aiuterà anche molti anziani, che devono vivere con pensioni bassissime nonostante i tanti anni di lavoro donati allo stato.

admin

x

Guarda anche

Inquinamento prima causa infertilità maschile

L’inquinamento è la prima causa dell’infertilità maschile. Gli ultimi dati relativi alla fertilità degli uomini ...

Condividi con un amico