Home » Benessere » Come cambia un carattere (e una lingua) dopo l'ictus

Come cambia un carattere (e una lingua) dopo l'ictus

Un inglese di 80 anni perde conoscenza una sera d’autunno ed entra in coma, colpito da un ictus. Quando si risveglia, non sa più parlare e per mesi deve imparare di nuovo finchè… torna ad esprimersi e lo fa in dialetto gallese! E’ successo davvero e non è il primo caso.

L’uomo in questione aveva un minimo ricordo del dialetto gallese, avendo vissuto lì per un breve periodo da giovane, e dunque è sembrato normale che lo parlasse. Ma ciò che suona strano è che lui non si accorgeva di parlare gallese… rispondeva, sentiva quei suoni nuovi, ma lui “credeva” di star esprimendo la lingua inglese. E’ successo altre volte, ad esempio ad una giovane donna ucraina che, dopo il coma, si esprimeva in tedesco … lingua che conosceva appena. Ed è anche successo che un soldato inglese, dopo il coma, si sia risvegliato omosessuale!

Come mai si cambia in modo così brusco, nel carattere, nelle tendenze e nella lingua, dopo un ictus? La spiegazione sta nel mistero del nostro cervello, in grado di tirar fuori dai propri “cassetti” esperienze passate o soppresse o inconsce nel momento in cui siamo più indifesi… come ad esempio dopo un incidente o il risveglio dal coma. Il grande neurologo Oliver Sacks ha descritto più di un caso simile, come quello di alcuni soggetti che riuscivano a disegnare perfetti bozzetti architettonici di grandi cattedrali senza mai aver studiato disegno!

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’aerobica fa bene al cervello

Che il movimento fisico faccia bene lo sappiamo tutti e sappiamo anche che, se non ...

Condividi con un amico