Home » Benessere » La Sanità inizia l'anno recuperando fondi

La Sanità inizia l'anno recuperando fondi

Buoni propositi sotto il Vischio. La Sanità italiana comincia il nuovo anno cercando di limare il piano per il recupero dei fondi (circa 8 miliardi) che si prevede andranno perduti entro il 2014 e che dunque bisogna contenere adesso, prima che sia tardi.

La prima misura è stata quella di aggiornare -dopo 11 anni!- i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) in modo da tagliare le voci inutili e lasciare soltanto quelle veramente bisognose del sostegno del SSN. Per esempio, verranno fatte TAC e risonanze solo se il dolore desta veramente qualche sospetto e saranno evitate in persone che magari soffrono di reumatismi o di dolori cronici e dunque quasi sicuramente risultanti in un “nulla di grave”. I piccoli interventi chirurgici (tunnel carpale,cataratta e simili) non dovranno più andare in ricovero ma in day hospital o ambulatorio.

Verranno controllate accuratamente le ricette rilasciate dai medici e verranno introdotte misure per alleviare le sofferenze e accorciare le degenze ospedaliere. Tra queste, il parto indolore… diffuso in tutta Europa ma in Italia limitato solo al 40% delle strutture… che farà calare di molto il ricorso al cesareo, con tutto ciò che comporta come spese. Entreranno nei LEA anche 110 malattie rare, che avranno così l’attenzione dovuta e fino ad oggi troppo scadente nel panorama nazionale.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico