Home » Benessere » Fibrosi cistica: replica la scuola del "bimbo rifiutato". Non fu mai iscritto

Fibrosi cistica: replica la scuola del "bimbo rifiutato". Non fu mai iscritto

Tocca alla scuola, adesso, replicare come è giusto che sia in un caso tanto delicato. Come ricorderete, una mamma di Catanzaro denunciò un gesto riprovevole da parte di una scuola materna comunale del suo paese che avrebbe rifiutato il suo bambino -malato di fibrosi cistica- con le parole: “non possiamo pensare alla sua assistenza”.

Il caso è stato preso in esame dal Ministero della Pubblica Istruzione che ha aperto una inchiesta per vederci più chiaro e ha inviato controlli anche alla scuola in questione. Ma il dirigente scolastico non ci sta a tanta cattiva pubblicità e replica: “Il bambino non è mai stato rifiutato dalla scuola, semplicemente perchè nessuno è mai venuto a iscriverlo!” La scuola inoltre tende a precisare che trova “impensabile sia dal punto di vista etico che legale” un rifiuto del genere e che loro sono aperti a tutti sempre.

La mamma del bambino, supportata dalla Lega Italiana Fibrosi Cistica, però continua a sostenere la propria tesi. Che motivo avrebbe avuto, altrimenti, di iscrivere il bimbo in una scuola lontana diversi chilometri complicando la vita a se stessa e al figlio? La vicenda è dunque ancora aperta e occorrerà chiarire bene ogni dettaglio, perchè se fosse vera la versione della mamma sarebbe un fatto certamente grave, anche perchè la Fibrosi Cistica è una malattia assolutamente NON contagiosa quindi non pericolosa per altri bambini.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’aerobica fa bene al cervello

Che il movimento fisico faccia bene lo sappiamo tutti e sappiamo anche che, se non ...

Condividi con un amico