Home » Benessere » Ambulanze ferme per mancanza di posti letto nel Lazio

Ambulanze ferme per mancanza di posti letto nel Lazio

Aspettare un posto letto, in alcune parti d’Italia, richiede dalle due alle otto ore… e sembra già tanto. In Lazio, invece, l’attesa è salita a quattro giorni. Una vita! Un’attesa interminabile dettata dai tagli drastici nel campo della Sanità che hanno messo in ginocchio anche i maggiori ospedali, come l’Umberto I di Roma.

E anche se, nella regione Lazio, è stato sostituito il commissario Bondi (protagonista della diatriba con i dipendenti del San Raffaele e dell’IDI) con il dottor Palumbo la situazione non migliora, anzi… . Ieri sono rimaste ferme decine di ambulanze, nonostante le molte chiamate d’emergenza. Non possono più caricare malati perchè non ci sono più posti letto negli ospedali della capitale e di altre città del Lazio.

E’ la prima volta che succede una cosa tanto grave, come il blocco dei ricoveri, ma non è l’ultima che affligge la regione dove mancano anche garze, dispositivi medici e personale. Il poco personale a disposizione spesso non riceve lo stipendio o sta per perdere il posto di lavoro. La situazione è stata determinata da alcune cattive gestioni dell’emergenza sanitaria ma anche dai tagli troppo pesanti e troppo “uniformi” voluti dal governo Monti e ai quali si cerca di trovare un rimedio … di emergenza.

admin

x

Guarda anche

Meningite: perché i media la “cavalcano” tanto?

Fateci caso. Non passa giorno che le notizie non riportino un nuovo caso o un ...

Condividi con un amico