Home » Benessere » Pure le Marche aprono le porte alla terapia a base di cannabis

Pure le Marche aprono le porte alla terapia a base di cannabis

Aveva iniziato la Toscana, sempre all’avanguardia e pronta a sperimentare, e i risultati avevano dato spazio a considerazioni positive. Nonostante le molte critiche, da alcuni ambienti medici e non solo, l’uso della cannabis e dei prodotti suoi derivati come terapia è ormai realtà e oggi anche la regione Marche vuole sperimentarla.

Naturalmente la cosa non va presa alla leggera. La terapia con cannabinoidi va prescritta solo in presenza di un particolare tipo di patologie e saranno i medici a stabilirne i parametri. Inoltre, la cura deve essere data secondo alcune regole ben precise: sempre e soltanto all’interno delle strutture ospedaliere, i farmaci verranno acquisiti all’interno dello stesso nosocomio e non in farmacie esterne, le dosi saranno decise dal medico il quale deciderà anche (e senza possibilità di contraddizione) quando la terapia va sospesa. In più la regione Marche ha deciso di estendere queste regole e l’uso di questa terapia anche ad alcune strutture ospedaliere private e di seguire l’acquisto di medicinali cannabinoidi provenienti dall’estero. In tal modo si velocizzeranno anche i servizi e si snelliranno le liste di attesa.

admin

x

Guarda anche

Ricerca, bambini con dislessia vedono in modo speciale

I bambini con dislessia vedono in modo speciale. A sostenerlo sono i risultati di uno ...

Condividi con un amico