Home » Benessere » Viagra, scade il brevetto e inizia la corsa alla produzione "generica"

Viagra, scade il brevetto e inizia la corsa alla produzione "generica"

Quindici anni fa entrò in commercio per la prima volta il “farmaco blu”, il Viagra, in grado di rimediare a uno dei problemi maschili più diffusi e imbarazzanti, la disfunzione erettile. Ora, allo scadere del tempo previsto per il brevetto, si potrà ottenere lo stesso principio della pillola anche nei farmaci generici, dunque più economici e accessibili.

La casa che produce il Viagra, la Pfizer, guadagna due miliardi di dollari all’anno grazie al prezzo elevato delle confezioni del prodotto (media di 50 euro) che tuttavia è molto richiesto e non solo dagli anziani, o da persone affette da disfunzione erettile, ma anche da giovani che cercano prestazioni “entusiasmanti”. Si è spesso parlato anche dei rischi elevati che un abuso di tale pillola può portare a livello di pressione sanguigna e problemi al cuore.

Sull’onda del successo della “pillola blu”, la Pfizer ha prodotto anche un gemello “rosa” rivolto alle donne, per intensificare le sensazioni di piacere durante il sesso. Ora che scadranno i termini del brevetto, sarà possibile diffondere entrambi i farmaci più liberamente, costeranno di meno e metteranno fine anche alla pericolosissima corsa all’imitazione che, da anni, impera su Internet con prodotti simili ma assolutamente non controllati e dunque pericolosi.

admin

x

Guarda anche

Cattive abitudini mettono a rischio salute denti dei piccoli

Cattive abitudini mettono a rischio la salute dei denti dei più piccoli. A causa di ...

Condividi con un amico