Home » Benessere » Sigaretta elettronica, ancora incertezze. Intanto in Lombardia è già vietata.

Sigaretta elettronica, ancora incertezze. Intanto in Lombardia è già vietata.

E’ il comune di Lomazzo, in Lombardia, il primo in assoluto a dichiarare guerra alle sigarette elettroniche. Lo fa con una ordinanza del sindaco leghista, Gianni Rusconi, che ne vieta l’uso nei locali pubblici, negli ospedali, uffici e scuole del territorio. La motivazione sta nel dubbio che tale congegno lascia ancora sospeso: farà male alla salute oppure no?

Ci è sembrato giusto prendere posizione finché la diatriba non sarà chiarita” dichiarano a Lomazzo e intanto, dopo di loro, si accodano le grandi aziende dei trasporti come Alitalia, Trenitalia e la Trenord (i treni regionali lombardi) che hanno vietato il fumo della sigaretta elettronica a bordo dei propri mezzi. Questo dimostra la confusione che esiste intorno all’argomento, in quanto le sigarette elettroniche emettono nell’aria solo vapore, e nel caso facciano male è per la nicotina che assumono in corpo coloro che le fumano.

La legge italiana non prevede distinzioni “di materiale” tra i divieti di fumo nei locali pubblici, che abbracciano sigarette artigianali, industriali ma anche spinelli. Dunque la sigaretta elettronica, anche se emana solo vapore, rientra nel divieto e non andrebbe usata. Intanto il dibattito continua e si cerca di stabilire una definitiva linea da seguire per creare una legge apposita. Nel frattempo è obbligo astenersi, fin che si può, dal vizio … anche se “finto”. In special modo nel comune di Lomazzo, dove si rischiano multe comprese tra 25 e 500 euro!

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’aerobica fa bene al cervello

Che il movimento fisico faccia bene lo sappiamo tutti e sappiamo anche che, se non ...

Condividi con un amico