Home » Benessere » A Palermo, il primo ambulatorio medico solo per transessuali

A Palermo, il primo ambulatorio medico solo per transessuali

Il termine “transessuale” fu coniato nel lontano 1949 dal dottor David Cauldwell e indicava, come indica tutt’ora nel mondo “la condizione di una persona la cui identità sessuale fisica non è corrispondente alla condizione psicologica dell’identità di genere maschile o femminile e che, sovente, persegue l’obiettivo di un cambiamento del proprio corpo, attraverso interventi medico-chirurgici” (come riporta Wikipedia).

Il problema che queste persone hanno, oltre a una vita certamente complicata e gravata dai pregiudizi altrui, è anche quello della salute. Non sempre sanno dove andare a curarsi, se usufruire del medico andrologo o di un ginecologo, e soprattutto hanno paura di mostrarsi in una sala d’aspetto dando via a chiacchiere e sguardi pesanti. E’ per questo che in Sicilia, a Palermo per l’esattezza, sta per nascere il primo ambulatorio ginecologico dedicato specificamente alle persone transessuali. Dovrebbe essere inaugurato il 14 febbraio al reparto di Ginecologia dell’ospedale Civico, diretto e voluto dal dottor Luigi Alìo.

Un’apertura che nulla ha di “ghettizzante” ma anzi vuole essere un invito specifico a chi sente l’imbarazzo della propria transessualità a presentarsi, visitarsi e farsi curare senza subire pregiudizi e occhiate. Un modo per far sentire questi pazienti a proprio agio e quindi più liberi di confrontarsi con il medico riguardo ai propri problemi. Sarà in funzione il secondo e il quarto giovedì di ogni mese, dalle 15 alle 18, nella speranza che sia solo una sistemazione temporanea in attesa che la società sappia aprire la propria mente e la propria solidarietà anche a queste persone.

admin

x

Guarda anche

Vaccini: come superare paure dei bambini

È molto comune tra i bambini la paura di sottoporsi ai vaccini. Come è noto, ...

Condividi con un amico