Home » Benessere » Mortalità in gravidanza. Alla ricerca di soluzioni

Mortalità in gravidanza. Alla ricerca di soluzioni

Di solito si leggono sul giornale e non è facile farsene una ragione. Giovani donne, nel pieno della salute, in attesa di un figlio o appena diventate mamme … crollano a terra in preda a emorragia cerebrale o infarto e muoiono. Per non parlare anche delle difficoltà durante il parto, con emorragie uterine e sbalzi pressori. Come evitare la mortalità materna in fase di gravidanza?

E’ quello che si sta chiedendo uno studio dell’Istituto Superiore della Sanità, coinvolgendo nella ricerca sette regioni (Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania e Sicilia) con la più alta percentuale di donne in età fertile e l’obiettivo è quello di identificare fattori di rischio prima che l’evento si manifesti. In Sicilia le morti materne sono 24 su 100, in Toscana appena un po’ di meno e così via, ma si tratta di un fenomeno troppo spesso sottovalutato.

Il metodo di studio e di indagine è copiato da un modello inglese che ha già portato ottimi risultati per quanto riguarda la prevenzione. Si tratta semplicemente di raccogliere qualsiasi dato relativo alla madre in attesa, sia normale che strettamente confidenziale, e mettere tutto a confronto in schede specifiche che verranno studiate durante la gravidanza dagli esperti. Si spera in tal modo di poter capire in tempo chi è a rischio e quanto lo è, così da seguirla in modo più accurato e diretto. Se funziona come dovrebbe, si eviteranno tante tragedie anche nel nostro Paese.

admin

x

Guarda anche

Abitudini alimentari sbagliate: raddoppiato rischio carie tra piccoli

Abitudini alimentari sbagliate raddoppiano il rischio di carie tra i più piccoli. L’allarme arriva da ...

Condividi con un amico