Home » Benessere » Influenza 2013, tra leggenda e realtà

Influenza 2013, tra leggenda e realtà

Ora che il picco influenzale è raggiunto e ampiamente superato, e si attende solo il termine di una stagione molto meno drammatica del previsto, possiamo ragionare sulla famosa malattia che ogni anno ci costringe a letto e che è accompagnata da miti, leggende e realtà. Quella del 2013 non fa eccezione.

Si cominciò a dicembre, quando la rete ferroviaria della Campania rimase ferma per giorni e giorni perchè tutti gli impiegati (macchinisti compresi) erano in malattia. Una leggenda, come poi confermarono le inchieste, perchè nessuno era malato ma si trattava di una forma di sciopero agli estremi. Si prosegue oggi, con il maxi-concorso per l’insegnamento rinviato a data da destinarsi “causa mal tempo e influenza” … leggenda o un modo astuto di nascondere qualche altra realtà?

Certo è che a Firenze il museo degli Uffizi funziona a singhiozzo perchè più della metà di addetti alla vigilanza e alla biglietteria sono a letto con l’influenza (stavolta davvero) e mentre le notizie del genere si susseguono, occorre sfatare alcune leggende legate alle cure anti-influenzali: non è vero che mangiando bene, assumendo molta vitamina C e riparandosi dal freddo si evita l’influenza… ci si prepara soltanto a combatterla meglio, nel caso in cui venga; non è vero che il raffreddore preannuncia per forza l’influenza e non è vero che le medicine “non servono a niente” rispetto ai rimedi della nonna. Perchè non unire entrambi in un unico attacco contro il virus?

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico