Home » Benessere » San Valentino, una festa che esclude gli allergici

San Valentino, una festa che esclude gli allergici

Ci sono molte persone che, pur essendo fidanzate e innamorate, non festeggeranno San Valentino alla maniera tradizionale perchè rischiano forti disagi, diversi problemi o addirittura la vita se mangiano cioccolato, noccioline o mandorle. Sono gli allergici e gli intolleranti a questi prodotti, tanto usati nella festa di oggi, e sempre più in aumento a causa delle varie forme di inquinamento presenti nel territorio.

L’allergia al cioccolato può causare prurito, dermatiti, ma anche forti dolori addominali anche se quasi mai si sente parlare di eventi gravi o di decessi. Stessa cosa per le intolleranze alla frutta secca, le quali però vanno ben distinte dalle allergie. L’allergia alle nocciole, alle noci o alle mandorle, se non è identificata fin dall’infanzia, può rivelarsi all’improvviso e in tutta la sua gravità nelle persone che non sanno di averla. La reazione a volte può essere uno shock anafilattico e dunque un serio rischio per la vita.

In Italia, su un totale di 25-35% di intolleranti, solo il 2% registra delle vere allergie alimentari, e di questi solo il 2-3% può avere delle reazioni anafilattiche gravi, potenzialmente letali. Dunque il fattore di rischio è molto basso ma è sempre bene essere informati e correre dall’allergologo ai primi “strani” sintomi legati al consumo di noccioline o mandorle. Nel frattempo, per San Valentino, niente “baci” di cioccolato …. magari soltanto quelli veri!

admin

x

Guarda anche

Yoga, benefici per grandi e piccini

Lo yoga fa bene a grandi e piccini. A rivelarlo è uno studio dell’Università canadese ...

Condividi con un amico