Home » Benessere » Ospedali Psichiatrici Giudiziari in chiusura. Che futuro per i pazienti?

Ospedali Psichiatrici Giudiziari in chiusura. Che futuro per i pazienti?

Stanno per chiudere per sempre gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari e circa 800 persone con problemi psichici gravi, alcuni autori di efferati delitti, verranno rimesse in libertà senza alcun luogo in cui andare. Questo perchè, a causa della solita lentezza burocratica italiana, benché si sapesse da un anno di questa chiusura, il bando per la riconversione degli ospedali in ospizi, o residenze cliniche, è uscito solo questo mese.

Troppo tardi per assicurare una soluzione, dato che la chiusura è prevista per Aprile 2013, in quanto la risposta al bando e l’inizio dei lavori di riconversione porteranno via molti mesi. Nel frattempo le persone trattenute e ricoverate in quelle strutture saranno allo sbando e molti di loro finiranno in carcere perchè pericolosi, ma in carcere non otterranno aiuto nè assistenza. Attualmente solo sei regioni su venti si sono mobilitate per trovare almeno un ricovero alternativo in attesa della sistemazione degli ex ospedali in ospizi.

Gli psichiatri, che sono comunque favorevoli al reinserimento graduale nella società dei soggetti meno pericolosi, hanno paura che avvenga l’ennesima “dimissione selvaggia” che porti questi pazienti o a perdersi o a venire ricoverati in ospedali comuni dove però occuperebbero posti letto utili ad altri. Nel frattempo, causa la crisi, le malattie mentali sono in aumento perchè alcuni soggetti non reggono lo stress o la perdita del lavoro. Sono anche in aumento i divorzi e i casi di stalking che possono generare situazioni di “follia” pericolose. I tempi della legge sono molto lunghi e i lavori sono previsti solo per il 2015 … dunque si dovrà trovare una soluzione efficace per i pazienti e per i cittadini che vivono intorno a loro.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico